Denti del giudizio, ortodonzia e chirurgia

In passato, per molti anni, si è ritenuto che la crescita dei denti del giudizio (o ottavi) potesse condurre a un affollamento della dentatura, con la conseguenza di creare disturbi di malocclusione e di dentatura sovrapposta. Oggi la ricerca ha permesso di comprendere che la crescita dei denti del giudizio non causa disturbi ortodontici, per questo si tende a non estrarli più in età infantile.

Risulta invece essenziale estrarre i denti del giudizio quando la loro fuoriuscita è difficile e causa problemi: se per esempio non riescono a erompere perché hanno poco spazio a disposizione, o se rimangono inclusi nell’osso (si parla di ottavi inclusi) o nella mucosa. Sono di norma situazioni che si presentano quando la dentatura è già permanente e possono essere diagnosticate con una semplice radiografia panoramica.